San Giovanni in Fiore

San Giovanni in Fiore

arco

132

 

4

santa maria delle grazie

palazzo

 

 

 

 

 

vedutavico

 

 

 

 

 

 

San-Giovanni-in-Fiore

Il più antico e vasto centro abitato della Comunità Montana Silana, San Giovanni in Fiore fa parte del Parco Nazionale della Sila.
Affascinante per la sua posizione e per il suo agglomerato storico, San Giovanni in Fiore è legato alla figura di Gioacchino da Fiore, monaco esegeta del XII sec d.C., che qui fondò il monastero e la Congregazione Florense. Questo illustre teologo segnò il destino culturale e spirituale del paese che oggi ospita il Centro Internazionale di Studi Gioachimiti.
San Giovanni in Fiore è il tipico paese di montagna calabrese, meta di interesse storico e culturale. Il suo valore naturalistico è dato dalla presenza di folte foreste, grandi boschi e bacini d’acqua che fanno da cornice al centro cittadino occupato da palazzi nobiliari e antiche chiese.
Offre l’opportunità di itinerari storici e culturali ma anche di passeggiate naturalistiche ed escursioni in montagna.
Per i vicoli di San Giovanni in Fiore si ha l’impressione di essere immersi in un’atmosfera mistica e sospesa in un tempo indefinito e fantastico.
La visita all’Abbazia Florense è una tappa necessaria per entrare in sintonia con questo paese bellissimo. I lavori di edificazione iniziarono nel 1215 per decisione dei monaci florensi che vollero costruire questa importante edificio religioso su un costone roccioso con a valle il fiume Neto. Per dare continuità all’originario messaggio gioachimita, i monaci chiamarono questo luogo “Fiore”.
Il suo interno in stile romanico e pietra nuda, con la sua imponenza e austerità avvolge il visitatore che è portato a guardare verso l’alto, rimanendo estasiato.
Sempre nel cuore di San Giovanni in Fiore, affacciata sull’antica piazza cittadina, si trova la chiesa di Santa Maria delle Grazie. Edificata nel 1530 e poi terminata nel 1770, custodisce importanti paramenti sacri. Dello stesso periodo è la piccola chiesa dell’Annunziata nella quale sono conservate le spoglie di Giuseppe Miller e Francesco Tesei, due patrioti italiani facenti parte del gruppo della spedizione dei Fratelli Bandiera.
Nella zona più a sud della città è posta la piccola chiesa di inizio ‘700 di San Francesco di Paola o del Crocefisso.
Da visitare, per la sua importanza storica, è la chiesa di Santa Maria dei Tre Fanciulli che collega la sua origine con la venuta dei monaci basiliani in Calabria. Essa è collocata sul sito dell’antico monastero basiliano andato perduto.
A San Giovanni in Fiore l’architettura religiosa si alterna a quella dei palazzi nobiliari del ‘700. Sono tutti diramati per il centro storico e nei colli che su di esso si affacciano. Austeri e massicci all’esterno, custodiscono nel loro interno caratteristi cortili, un tempo non solo punti di ristoro ma anche di aggregazione.
Palazzo Lopez, Nicoletti e Romei furono i primi palazzi a essere costruiti nella prima metà del ‘700. I palazzi nobiliari occupano le principali vie del centro cittadino, sono punti culturali di rilievo e testimoni importanti della storia e dello sviluppo di questo paese di montagna.
A pochi chilometri da San Giovanni in Fiore si trova Lorica, un villaggio turistico della Sila Cosentina, mentre percorrendo 50 Km è possibile arrivare a Crotone.